press sicilia
Siciliano
cerca in:
 

    NEWS SICILIA

       · Cronaca (213)
       · Cultura (203)
       · Economia (15)
       · Elezioni (34)
       · Feste e Sagre (116)
       · Gastronomia (70)
       · Internet (19)
       · Lavoro (10)
       · Movida Siciliana (100)
       · Musica (1)
       · Politica (4)
       · Racconti Siciliani (5)
       · Scienza (2)
       · Spettacolo (100)
       · Sport (21)
       · Tecnologie (6)
       · Turismo (117)


    EVENTI DI SICILIA

       · Arte (0)
       · Cinema (0)
       · Concorsi Fotografici (0)
       · Cultura (0)
       · Danza (0)
       · Eventi Fotografici (0)
       · Feste e Sagre (0)
       · Fiere (0)
       · Gastronomia (0)
       · Meeting e Congressi (0)
       · Mostre Fotografiche (0)
       · Movida Siciliana (0)
       · Musica (0)
       · Sport (0)
       · Teatro e Cabaret (0)


    PROGRAMMAZIONE CINEMA
    SICILIANI PROVINCIA DI

       · Agrigento
       · Caltanissetta
       · Catania
       · Enna
       · Messina
       · Palermo
       · Ragusa
       · Siracusa
       · Trapani

 

  SICILIA MAGAZINE

    TURISMO
    · Vacanze in Sicilia
    · Le Isole di Sicilia
    · Le Spiagge Siciliane
    · I Luoghi Sacri
    · Le Riserve Naturali

    · I Castelli Siciliani
    · I Siti Archeologici
    · I Musei Siciliani
    · La Sicilia di Montalbano
    · Mercati Siciliani

    ARTE, FOLKLORE E CULTURA
    · I Teatri Siciliani

    · Gli Attori Siciliani
    · Gli Scrittori Siciliani

    · Uomini Illustri
    · Il Gruppo di Scicli
    · Parchi Letterari in Sicilia
    · Il Cinema in Sicilia
    · I Pupi Siciliani
    · Miti e Leggende

    FESTE E SAGRE
    · La Pasqua in Sicilia
    · Il Natale in Sicilia
    · Il Carnevale in Sicilia
    · Sant'Agata a Catania
    · Santa Rosalia a Palermo

    GASTRONOMIA
    ·  Le Mandorle in Sicilia
    ·  Una Granita di Caffè con Panna
    ·  La Cucina Afrodisiaca Catanese
    ·  Letteratura e Arance
    ·  Forme e Magia dei Dolci di Sicilia
    · La Cucina di Piero Selvaggio
    ·  Formaggi, il sapore dei pascoli
    · Il Barocco in Cucina
    ·  Le Ricette di Pasqua
    · Le Ricette di Natale
    · Intervista con Piero Selvaggio
    · Granita, Passione Siciliana
    · Come nasce il formaggio raguano
    · La Cioccolata Modicana
    · Agrumi di Sicilia
    · Formaggi di Sicilia


Il punto più basso
La Capitale del Perù
La Stella più Vicina
Tiramisù Origini
La Seconda Montagna più Alta
Edificio più Alto del Mondo
Dolce Vita Oscar
Primo Computer
Brasile Italia 1970
Perchè il cielo è blu
 

Gli Scrittori Siciliani

Il teatro siciliano si caratterizza in varie espressioni:
- le farse di carnevale mescolano la tradizione popolare e pagana, i cicli della vita e della morte, criticano una classe sociale usando la fantasia;
- le sacre rappresentazioni dove c'è la lotta fra il bene e il male ed i suoi protagonisti sono uomini, demoni, angeli, Dio.
A livello popolare in passato erano chiamate intrallazzate e consistevano nel rappresentare un dramma, composto da popolani, su un fatto religioso o un evento dell'Antico o Nuovo Testamento.
L'intrallazzata comincia con il prologo per accennare ai fatti del poema e chiedere l'attenzione del pubblico e si conclude con qualche sentenza morale.
- Le vastasate, invece, nascono a Palermo verso la fine del Settecento. Sono chiamate così perché i loro protagonisti erano i "vastasi", i facchini. Il teatrino in cui erano rappresentate era una baracca di legno detta "casotto". Il popolo ne era attore e spettatore. I temi erano semplici, a volte venivano inserite delle cantate. Il loro protagonista principale è "Nofriu" (Onofrio) che incarna le precedenti maschere siciliane di servi.
- L'Opera dei pupi è il teatro d'ispirazione epico-cavalleresca.
I Pupi sono le marionette armate del teatro epico popolare che operò a Napoli e a Roma.
Fu don Giovanni Grasso ad introdurlo a Catania e in Sicilia nel 1861. Nell'isola si hanno due differenti scuole: quella palermitana usa i pupi alti 90 cm mentre le marionette catanesi, armate di spada e con elmo e scudo, sono alte 140 cm e con un peso di oltre 35 kg. Tra le famiglie di pupari più celebri della Sicilia si hanno quella di Francesco Puzzo (detto Don Ciccio) e dei fratelli Vaccaro. Tra i pupi più celebri si ricordano Orlando (cavaliere dall'abito rosso e l'elmo con un'aquila), Rinaldo di Montalbano (cavaliere generoso con abito verde e un leone nell'elmo), Angelica, Gano di Magonza (patrigno di Orlando e simbolo del tradimento), Carlo Magno (l'imperatore che dà il nome al ciclo carolingio), Ruggiero (il conte guerriero).

Lo scrittore Vitaliano Brancati (Pachino - Sr - 1907 / Torino 1954) si ricorda perché nelle sue opere spesso analizza in modo satirico la borghesia siciliana, perché spesso il suo umorismo si concentra nella visione amara della realtà. La sua carriera letteraria annovera opere illustri per la narrativa, la saggistica, il cinema ed il teatro. Tra le sue opere teatrali si ricordano l'atto unico "Everest", il dramma "Piave" del 1932, la farsa del 1939 "Questo matrimonio si deve fare", "Le trombe di Eustachio", "Don Giovanni involontario". "La governante" forse è la sua opera più nota. Proibita inizialmente dalla censura, si ricorda nella rappresentazione di Turi Ferro e della Proclemer, moglie dell'autore, realizzata negli anni '60. L'opera tratta la storia di una famiglia siciliana trasferita a Roma. Il capo famiglia vive nel ricordo della figlia morta suicida a causa di un rimprovero paterno immeritato e nello stupore per il comportamento licenzioso del figlio e della nuora. Il protagonista si avvicina alla conformista governante Caterina, una donna integerrima che col suo moralismo vuole mascherare la sua omosessualità. L'opera si conclude tragicamente con il suicidio della governante.

Federico De Roberto nasce a Napoli nel 1861 ed è siciliano per parte di madre. Insieme al Capuana ed al Verga, egli rappresenta la scuola verista sicliana. Si affaccia alla vita letteraria al crollo degli ideali risorgimentali e con una forte avversione per l'enfasi sentimentale. Muore a Catania nel 1927. Va ricordato principalmente come romanziere. Il volume di racconti "La sorte" del 1887, "Documenti umani" del 1888, il romanzo "L'illusione" del 1891 (opera nota per la sua narrazione verista e d'introspezione psicologica) e "I Viceré" del 1984, un affresco della vita aristocratica siciliana e del fallimento risorgimentale sono solo alcune delle sue opere più celebri. Egli va ricordato anche come autore di opere teatrali, come "Il rosario" del 1912.

Il catanese Luigi Capuana (1839-1915), autore di poesie e saggi, critico e autore per il teatro dialettale, fu tra i primi a raccogliere l'eredità naturalista di Zola. Determinante per la sua produzione letteraria fu l'incontro con Nino Martoglio. Sostenitore e teorico del verismo, fu docente di letteratura italiana all'università di Roma e di Catania. Nei suoi romanzi appaiono anche studi di situazioni psicologiche profonde. Tra le sue opere teatrali, raccolte in "Teatro dialettale siciliano" (1911-1921), si ricordano "Lu paraninfu", specialmente nella magistrale interpretazione di Angelo Musco, "Lu vampiru" del 1912 e "Quacquarà" rappresentata nel 1916 dalla Compagnia Angelo Musco.

Il catanese Nino Martoglio (1870-1921) fu un abile scrittore teatrale che descrisse una Sicilia colorita e che rappresentò personaggi popolani. Fu direttore di compagnie siciliane ed animatore teatrale ma anche regista cinematografico, poeta dialettale e giornalista. Nel giornalismo esordì pubblicando, dal 1889 al 1904, il settimanale "D'Artagnan" con lo scopo di discutere arte, letteratura, teatro, politica, ecc. L'iniziativa ebbe successo, anche perché Martoglio vi presentò le sue prove poetiche, dialettali e piene di comicità immediata. Ebbe un ruolo predominante nell'affermazione nazionale del teatro in vernacolo siciliano grazie alla sua attività di scopritore di nuovi talenti come Giovanni Grasso ed Angelo Musco, per aver fatto rappresentare come direttore di compagnie teatrali opere del nisseno Pier Maria Rosso di San Secondo e dell'agrigentino Luigi Pirandello e come scopritore di nuovi testi teatrali. Nel 1903 fondò la "Compagnia drammatica siciliana". Dal 1913 al 1915 intraprese la carriera di regista cinematografico. Tra i suoi film si ricordano "Teresa Raquin" e "Sperduti nel buio". Nel 1919 fondò la "Compagnia Drammatica del Teatro Mediterraneo" che vantava nell'organico Pirandello e Rosso di San Secondo e che rappresentò testi importanti come il "Ciclope" d'Euripide e quelli scritti da Pirandello. Tra le sue opere teatrali maggiori si ricordano "Nica" del 1903 rappresentata in teatro da Giovanni Grasso, "L'aria del Continente" del 1915 e "San Giuvanni Decollato" del 1908 rappresentate in teatro da Angelo Musco.

Giuseppe Fava (Palazzolo Acreide - Sr - 1925 / Catania 1984), scrittore e autore drammatico, si trasferisce a Catania da giovane e qui intraprende l'attività di giornalista per il quotidiano "Espresso sera". "Cronaca di un uomo" del 1966, premio Vallecorsi, e "La violenza" del 1970 e premio Idi, segnano l'inizio della sua carriera di scrittore teatrale. Nei suoi testi si trova la formula del "teatro documento" e quella della dimensione onirica. Tra gli altri suoi testi si ricordano "Il proboviro" del 1972, "Bello, bellissimo" del 1974, "Opera buffa" del 1979, "Sinfonia d'amore" del 1980, "Foemina ridens" del 1982 e "L'ultima violenza" del 1983. Quest'ultima va ricordata come suo testamento spirituale visto che l'anno dopo, davanti al Teatro Verga di Catania, fu ucciso in un agguato mafioso. L'opera può esser intesa come un documento di ciò che può accadere in una società dominata dalla violenza mafiosa.

Luigi Pirandello (1867-1936) si distingue per la sua concezione pessimistica dell'esistenza, come un novellista-romanziere e drammaturgo dalle notevoli capacità e per le sue abili descrizioni di personaggi popolani siciliani. Inizialmente diffidava del teatro considerandolo addirittura, per citare le sue stesse parole, "un'arte minore". Grazie anche alle sollecitazioni ricevute dagli amici, allo stretto legame con Nino Martoglio e dal felice connubio con attori del calibro di Giovanni Grasso ed Angelo Musco, Pirandello ha scritto dei testi teatrali davvero unici. Nella sua attività teatrale si vede sia la rappresentazione della sua Sicilia che quella del mondo borghese ed evidenzia una amara sfiducia ed una sarcastica denuncia nei confronti delle convenienze sociali e delle apparenze. Da creativo intelligente che fu, Pirandello non escludeva il possibile apporto che gli attori potevano dare alla stesura finale di un testo. Il suo repertorio è sempre una grossa fonte d'ispirazione per il Teatro Stabile di Catania, soprattutto ad opera dell'attore Turi Ferro. Il sodalizio Pirandello-Musco nasce con l'opera "Pensaci, Giacomino!". L'opera parla del matrimonio tra l'anziano prof. Toti con una giovinetta innamorata di Giacomino. Il matrimonio ha l'unico scopo di costringere il governo a pagare a lungo una pensione. Lo scandalo provocato da tale unione fa intervenire i parenti, il parroco ed il direttore della scuola, ma alla fine le idee e l'umanità del professore avranno la meglio sulla sterile convivenza. Tra le altre sue opere teatrali maggiori si ricordano: "Il berretto a sonagli" (1917) la cui prima rappresentazione romana fu attuata da Angelo Musco, "Il giuoco delle parti" del 1918 e "Sei personaggi in cerca d'autore" (i sei personaggi sono il padre, la madre, la figliastra, il figlio, il giovinetto e la bambina; questo è un dramma che dimostra come il teatro può rappresentare solo una delle interpretazioni possibili della realtà).

Il nisseno Pier Maria Rosso di San Secondo (1887-1956) realizza un patrimonio letterario tendente al lirismo, alla pessimistica visione del rapporto tra uomo e società e che interpreta bene la solitudine, un certo contrasto tra passione e razionalità. Tra le sue opere si ricordano: "La sirena ricanta" del 1908, "La bella Addormentata" del 1919 e Tra vestiti che ballano. "Marionette che passione!" del 1918 è forse la sua opera teatrale più famosa. E' un dramma che prevede lo scontro tra tre personaggi che alla fine dell'opera si rivelano come tre marionette in balia delle passioni. L'opera in questione va ricordata come un capolavoro del teatro grottesco. Essa fu segnalata da Pirandello, grande amico dell'autore, al capocomico Valli che la rappresentò.

Leonardo Sciascia, per sua stessa ammissione, scrive della storia siciliana e di come essa sia una continua sconfitta della ragione. Egli scrive opere dal forte impegno civile e dalla forte laicità. Le sue opere sono state spesso rappresentate in teatro, a partire da "Recitazione della controversia liparitana" nel 1970 dalla Compagnia del Teatro Stabile con attori del calibro di Giuseppe Pattavina, Umberto Spadaro, Michele Abruzzo, Leo Gullotta e per la regia di Franco Enriquez, "Il giorno della civetta" che fu rappresentato ad esempio nel 1973 dal Teatro Stabile fino ad arrivare alla rappresentazione del 1980 di "A ciascuno il suo" grazie ad un adattamento teatrale di Ghigo De Chiara e con attori come Tuccio Musumeci, Giuseppe Pattavina e Turi Ferro.

Il catanese Giovanni Verga (1840-1922) si distinse inizialmente come scrittore vicino alla corrente letteraria della scapigliatura e poi come scrittore verista che descrisse abilmente la vita dei contadini e dei pescatori siciliani. Le sue opere sono spesso state utilizzate per il cinema. La sua vasta attività letteraria comprende anche una fase teatrale caratterizzata da una decina di opere tra le quali si distinguono "Vita dei Campi", "La Lupa" del 1896 e "Dal tuo al mio" del 1903.



Ultime News Siciliane

SPECIALE CAPODANNO 2013: TUTTI GLI EVENTI DELLA NOTTE DI CAPODANNO, CON CENONE, DISCOTECA, PERNOTTAMENTO, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE PONTE DEL PRIMO MAGGIO 2012 NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA: RELAX, BENESSERE, E DIVERTIMENTO, EVENTI GIOVANILI CON ANIMAZIONI, SPORT, E SERATE IN DISCOTECA.

SPECIALE CAPODANNO 2012: COSA FARE LA NOTTE DI CAPODANNO? ECCOVI TUTTI I CENONI CON VEGLIONE DOPOCENA, E DISCOTECA FINO ALL'ALBA, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE VACANZE E PONTI DI PRIMAVERA (25 Aprile - 1 Maggio - 2 Giugno) NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA, TUTTI GLI EVENTI CON FORTE TRAINO GIOVANILE

SPECIALE 8 MARZO 2011: FESTA DELLA DONNA & CHIUSURA CARNEVALE, TUTTO IN UNA NOTTE. GLI EVENTI CON CENA, STREEPTEASE MASCHILE, E DISCO PARTY DI CARNEVALE DOPO LA MEZZANOTTE.

BORGES, VIAGGIO NELLA SICILIA DEL MITO

Inaugurazione della mostra di Elide Triolo Il primo gradino

SPECIALE NOTTE DI FERRAGOSTO 2010, TUTTI GLI EVENTI IN SPIAGGIA O A BORDO PISCINA DA VIVERE IN COMPAGNIA, TRA CATANIA E TAORMINA

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TANGO DELLA SICILIA - dal 10 al 16 agosto

Turismo - La Sicilia protesta

CILE, UN CASO DI CONFLITTO D’INTERESSI FELICEMENTE RISOLTO

PALERMO, I GEOMETRI SUL PIANO CASA :“LA DELIBERA ADOTTATA DAL CONSIGLIO COMUNALE AVREBBE DOVUTO ESSERE RETTIFICATA”

RIGASSIFICATORE - Se un giorno esplodesse una nave di metano…

Modica, “La città nascosta”, al via il 29 luglio la VII edizione della rassegna cinematografica d’essai

Lombardo, ritorno a ... Berlusconi

   
 
Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso - Testi e Foto sono protetti da copyright. L'utilizzo senza previa autorizzazione verrà perseguito a norma di legge.

Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882